Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Street Poster Art a Castellina Scalo

Durata:

Consigliato:

Tipologia: Itinerari culturali

Il percorso può partire dal Palazzo dell'Accoglienza, nei pressi della Stazione Ferroviaria; sui muri di questo edificio Jacopo Pischedda ha rappresentato due grandi figure zoomorfe con il corpo di uomo e la testa di animale un avvoltoio e un coccodrillo: due rappresentanti della malvagità, che che si muovono dietro ai sipari del mondo tirando le fila del destino dell’umanità. Proseguendo lungo il percorso troviamo l'edificio della Stazione Ferroviaria, sul quale è intervenuto Benedetto Cristofani, realizzando una costellazione di persone in caduta, simbolo del passaggio tra le varie realtà e i vari momenti dei quali si compone la vita degli uomini. Imboccando Via G. Di Vittorio troviamo il Circolo ARCI, sulla cui facciata è intervenuto Blub, con l'opera dal titolo "L'arte sa nuotare": i volti di Salvatore Dalì e della Venere di Botticelli sono emblematici nel linguaggio dell’artista che mette a nudo l’importanza e l’attualità dei capolavori dell’arte contemporanea di ogni epoca, che riescono a sopravvivere (con maschera e boccaglio) nel mare magnum della globalizzazione. Dirigendosi in Piazza della Pace vediamo, sulla facciata dell'ex cinema di Castellina Scalo, l'intervento Pierluigi Pagni, che ha realizzato una serie di putti paffuti che porgono al pubblico dei coloratissimi televisori spenti o meglio riempiti esclusivamente di colori primari.

In vari punti sia all'interno che all'esterno del paese troviamo gli interventi di Colette Baraldi, che è intervenuta sulle pensiline del bus in Piazza della Chiesa e in Piazza Bersaglieri e su quelle delle biciclette a noleggio nella Piazza della Stazione e nel Parcheggio Comune di Monteriggioni.

Infine gli interventi del noto artista francese Clet Abraham, intervenuto sulla segnaletica stradale che collega il Castello di Monteriggioni a Castellina Scalo. La ricerca di Abraham insiste sulla comicità che si nasconde dietro alla funzione autoritaria dei cartelli stradali e il suo lavoro cerca di contrapporre l’ironia e la bellezza all’austerità e alla monotonia e ripetitività di tale segnaletica.

Dove dormire nelle vicinanze

Casa per ferie Cristo Re Via Italia 33, loc. Castellina Scalo-Monteriggioni (SI)