Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Abbadia Isola

Categoria: Castello/fortificazione/torre, Abbazia/pieve/eremo

Itinerario: Percorso panorama, Percorso lungo, Percorso corto, Da abbadia Isola a Monteriggioni lungo la via Francigena, Anello storia e memoria, Via Francigena, Passeggiate nella storia, Pievi, eremi abbazie tra antiche paludi e laghi scomparsi

Note: Orari di apertura: orario estivo dal lunedì al venerdì 9-13, sabato e domenica 9-13 e 15-18; info +39 335 6651581 e +39 348 3251628

La fondazione dell’abbazia di S. Salvatore all’Isola, risalente al 1001, si deve ad Ava, nobildonna della famiglia dei Lambardi di Staggia. Il luogo in cui sorge il monastero - che come ricorda il nome era un tempo circondato dall’acqua – viene scelto principalmente per la posizione strategica a controllo della Via Francigena, della quale Borgonuovo (poi Abbadia Isola) costituiva un punto di sosta già dalla fine del X secolo. Nel corso di quelli successivi una delle principali funzioni dell’abbazia continuerà ad essere proprio quella ospedaliera, ovvero di ricovero e ospitalità per i viandanti in transito per Roma. A partire dalla fondazione il monastero conosce una notevole ascesa economica e politica, che continuerà fin verso la metà del Duecento. Successivamente inizierà un lento declino che nel 1446 condurrà all’aggregazione del monastero a quello di S. Eugenio vicino a Siena.

 


Situato ai margini di una estesa pianura alle pendici boscose del Monte Maggio, il complesso è dominato dalla chiesa romanica a tre navate e tre absidi, serrata tutt’attorno da un piccolo borgo e da resti di fortificazioni medievali. All’interno della chiesa si conservano pregevoli opere d’arte, tra le quali spicca il bel polittico dell’altare maggiore eseguito nel XV secolo dal pittore senese Sano di Pietro.

 

Alla destra dell’edificio religioso sono ancora cospicui i resti del campanile e dei locali monastici, distribuiti attorno allo spazio quadrangolare dell’antico chiostro. Adibiti per lungo tempo ad uso agricolo, questi fabbricati sono stati quasi completamente recuperati per ospitare l'ostello comunale "Contessa Ava" e diverse sale per convegni, matrimoni civili, mostre ed eventi.

 

scarica la brochure di Abbadia Isola (4,4 MB)

Dove dormire nelle vicinanze

S.m. affittacamere La Badia Loc. Abbadia Isola 16/b - 53035 (Monteriggioni - SI)
S.m. affittacamere Abbadia Loc. Abbadia Isola 16/b - 53035 (Monteriggioni - SI)
S. m. affittacamere L’arco Loc. Abbadia Isola 16/b - 53035 (Monteriggioni - SI)
None Il Colombaio Strada di Serfignano, loc. Abbadia Isola, 53035 Monteriggioni (SI)
Monteriggioni Suite Strada di Strove 2, loc. Abbadia Isola, 53035 Monteriggioni (SI)
Ostello Contessa Ava Loc. Abbadia Isola
Visualizza tutte le strutture